info@beampowerenergy.com

+39 011 7934150

Crm

Azienda

Progetti

Prodotti

Referenze

Download

Contatti

Consumi energetici punti vendita al dettaglio

Da un’analisi di settore realizzata nel 2013 da Confcommercio emerge che i consumi energetici di un esercizio commerciale sono dovuti principalmente all’utilizzo di energia elettrica.

Considerando in particolare un esercizio commerciale al dettaglio non alimentare il volume di energia elettrica mediamente prelevata dalla rete è pari a circa 18.000 kWh/anno; il consumo annuo di gas naturale è invece circa 1300 Sm3/anno.

I consumi sono dovuti per circa il 65% a energia elettrica e 35% costo del gas naturale. I costi invece derivano per oltre il 75% dall’acquisto dell’energia elettrica.

L’energia elettrica è utilizzata per soddisfare diverse esigenze energetiche (illuminazione, raffrescamento ecc.) il gas naturale è invece destinato esclusivamente per il riscaldamento dell’ambiente e dei locali.

 

Le ipotesi considerate ed i dati ottenuti sono riportati nella seguente tabella:

Consumi energetici esercizio commerciale non alimentare

Superficie

Potenza massima prelevata

Consumo di energia elettrica

Consumo di gas naturale

 

30 m2

10 kW

18.000 kWh/anno

1300 Sm3/anno

I principali utilizzi dell’energia sono invece riportati nel grafico seguente:

Ridurre i costi di energia elettrica

 

I consumi di energia elettrica ammontano, secondo lo studio di settore proposto da Confcommercio, a circa 18.000 kWh/anno. Ipotizzando un costo dell’energia pari a 0,22 €/kWh le spese relative al consumo di elettricità risultano essere poco meno di 4000 €/anno.

È possibile andare a ridurre il consumo di energia e quindi il costo delle bollette installando l’innovativo dispositivo KESECO ULTRA.

KESECO ULTRA è un sistema in grado di ottimizzare il flusso della corrente elettrica riducendo in questo modo le perdite dell’impianto e quindi la corrente elettrica assorbita.

Il dispositivo Keseco si basa sull’ ”Giant spin Seebeck effect”; grazie alla natura chimica dei materiali ceramici di cui è composto, il dispositivo permette di allineare il moto degli elettroni riducendo di fatto l’energia elettrica assorbita.

Il risparmio effettivo prodotto da KESECO ULTRA dipende dall’ambiente e dal carico operativo. Il dispositivo agisce sia sul carico resistivo che sul carico capacitivo garantendo, a condizione di rispettare le prescrizioni indicate dalla casa costruttrice, un risparmio minimo del 5%.

Il 5% è solo il risparmio minimo garantito, in realtà, analizzando i dati di oltre 120 casi studio realizzati per diverse installazioni nel mondo, si osserva che installando ULTRA il risparmio medio misurato è di circa il 12%. In particolare dall’analisi delle installazioni riguardanti il settore commerciale emerge che KESECO ULTRA produce un risparmio medio del 14%, ma che in alcuni casi arriva anche a oltre il 20%.

NOTA: si è ipotizzato di installare un keseco ultra u-10 prezzo 351 euro il costo dell’energia è assunto pari a 0,22 E/kWh, fattore di emissione 0,396 kgCO2/kWh dati ISPRA-ambiente 2012

 

18.000 kWh/anno

3.960 €/anno

garantito

900 kWh/anno

5 %

198 €/anno

356 Kg/anno

1,8 anno

 

2520 kWh/anno

14 %

554 €/anno

997 Kg/anno

8 mesi

 

Riduzione di costi e consumi

Ridurre i costi dell'energia

 

La riduzione dei costi dell’energia passa attraverso una riduzione delle tariffe di energia elettrica e gas naturale.

Per poter ridurre le tariffe, e quindi i costi, si può procedere con la revisione e la ridiscussione dei contratti di fornitura di energia elettrica e di gas.

La verifica e l’eventuale revisione dei contratti di fornitura ha un costo praticamente nullo, tale operazione può portare ad una riduzione dei costi che in alcuni casi può arrivare fino al 15%.

In particolar modo per quel che riguarda la fornitura dell’energia elettrica, l’analisi dei contratti di fornitura si pone come obiettivo:

· La verifica della corretta applicazione delle tariffe contrattuali.

· La verifica della convenienza economica di un cambio di società fornitrice di energia elettrica e/o di combustibile.

· Cambio di piano tariffario in relazione all’entità e alla distribuzione dei consumi ( elettrici)

Installazione KESECO ULTRA

Consumo di energia elettrica

Spesa energetica annua

Risparmio minimo

Risparmio energetico

Risparmio percentuale

Risparmio economico

Risparmio emissioni di CO2

Tempo di ritorno

Risparmio medio settore commerciale

Risparmio energetico

Risparmio percentuale

Risparmio economico

Risparmio emissioni di CO2

Tempo di ritorno

Illuminazione

Installazione luci LED

Consumo di energia elettrica

Spesa energetica annua

Risparmio energetico

Risparmio percentuale

Risparmio economico

Risparmio emissioni di CO2

Tempo di ritorno

 

9.000 kWh/anno

1.980 €/anno

3600 kWh/anno

40 %

792 €/anno

1425 Kg/anno

1-2 anni

Nella seguente tabella sono riportati la potenza assorbita dalle diverse tipologie di lampade a parità di livello di illuminazione fornito.

INCANDESCENZA

FLUORESCENTE

LED

25 W

5 W

3 W

40 W

7 W

5 W

60 W

11 W

7 W

75 W

15 W

10 W

100 W

20 W

13 W

120 W

25 W

17 W

Ridurre i costi dell’illuminazione

 

L’impiego di un sistema di illuminazione in grado di fornire una presentazione attraente delle merci esposte sta diventando sempre di più uno dei fattori di competitività. Allo stesso tempo però bisogna considerare che all’illuminazione degli ambienti e delle vetrine sono associati notevoli costi energetici.

 

Il costo dell’illuminazione, infatti, secondo gli studi statistici effettuati, incide per circa il 50% sui costi di bolletta. Bisogna considerare, infatti, che all’interno di un esercizio commerciale il livello di illuminazione è solitamente maggiore di quello presente all’interno di una normale abitazione e che le luci spesso sono accese durante tutto il tempo di apertura del negozio, inoltre devono essere considerate anche tutte le luci necessarie per l’esposizione delle merci.

 

È possibile andare a ridurre l’energia assorbita e quindi i costi legati all’acquisto dell’energia elettrica installando delle lampade basate su tecnologia LED. All’interno dei negozi sono installate normalmente lampade a tubi fluorescenti, rispetto a questo tipo di lampade i led permettono di ridurre i consumi di energia elettrica fino al 50%.

Sono inoltre attualmente disponibili sul mercato dei corpi illuminanti led compatibili con gli impianti comunemente istallati. Tali sistemi permettono la sostituzione del solo tubo mantenendo inalterate le plafoniere e la rimanente parte dell’impianto, in questo modo l’intervento risulta essere più economico e più veloce.

 

Ulteriore vantaggio delle lampade LED è la loro durata; i LED sono garantiti per funzionare tra le 50.000 e le 60.000 ore, questo significa azzerare per più di 20 anni i costi di gestione legati alla sostituzione dei corpi illuminati dell’impianto.

 

Il tempo di ritorno dipende dal tipo di impianto da riprogettare, è comunque mediamente compreso tra 1-2 anni.

All’interno dei punti vendita devono essere mantenute delle condizioni ambientali di confort, oltre che all’energia spesa per il riscaldamento degli ambienti durante il periodo invernale, va considerata anche l’energia spesa dagli impianti di climatizzazione.

 

Inoltre in quasi tutti i punti vendita è presente anche un impianto di ventilazione per garantire il ricambio d’aria necessario, principalmente per motivi igienici. Gli impianti di ventilazione che assicurano un continuo afflusso di aria fresca sono azionati da motori elettrici e sono spesso accesi durante tutte le ore di lavoro. L’energia spesa per la climatizzazione e la ventilazione degli ambienti di un esercizio commerciale di circa 30 m2 è di circa 7560 kWh/anno, rispettivamente 2700 spesi per la ventilazione e 4860 kWh/anno per la climatizzazione e riscaldamento.

Trattamento impianti con MaxR100

Risparmio energetico

Risparmio percentuale

Risparmio economico

Risparmio emissioni di CO2

Tempo di ritorno

 

453 kWh/anno

6 %

99 €/anno

179 Kg/anno

7 mesi

Ridurre i costi di climatizzazione e ventilazione

Per ridurre i consumi energetici legati alla ventilazione e alla climatizzazione degli ambienti è possibile trattare gli impianti con MaxR100.

MaxR100 è uno speciale composto che crea un legame permanente con le superfici metalliche dell’impianto. Quest'azione elimina il problema delle incrostazioni, cambia la natura termica del metallo e abbassa il punto di ebollizione del gas refrigerante riducendo perdite e attriti, rendendo il sistema più efficiente con notevoli risparmi nei consumi e costi energetici. L’impianto di climatizzazione torna efficiente e ad essere performante come fosse nuovo; i risparmi di energia possono essere stimati mediamente tra il 5 ed il 7% dei consumi totali.

Impianti di riscaldamento

Per alcuni esercizi commerciali, dove l’impianto di riscaldamento lo permette è possibile installare un sistema di termoregolazione.

Un sistema di termoregolazione è composto da termo-valvole installate sui singoli corpi scaldanti, tali valvole sono in grado di regolare la potenza erogata in base alle condizioni di confort che si vogliono mantenere all’interno dei locali.

 

La termoregolazione dell’impianto consente di gestire l’impianto tenendo conto delle condizioni metereologiche esterne. Un sistema di termoregolazione permette attraverso l’utilizzo di una sonda climatica esterna e di valvole termostatiche di ottimizzare i consumi legati al riscaldamento degli ambienti.

Grazie al controllo e alla regolazione un sistema di termoregolazione permette di ridurre i risparmi fino al 20%.

Termoregolazione e valvole termostatiche

Costo metano

Risparmi

Risparmio di metanoo

Risparmio economico

Risparmio percentuale

Emissioni di CO2 evitate

 

0,94 €/m3

 

130 m3/anno

125 €/anno

10 %

253 kg/anno

Info Commerciali

+39 011 7934 150

Contattaci per una consulenza

BPE Beam Power Energy S.p.A.
Sede Legale | Via Torino, 2 | 20123 Milano - Italy  //  Sede Operativa | Via Filadelfia, 122 | 10137 Torino - Italy

Tel: +39 011 7934150 | P.IVA e C.F. IT09825850960

www.beampowerenergy.com | info@beampowerenergy.com | bpebeampowerenergy@legalmail.it